3,6 milioni di Conti Deposito aperti in Italia – 800.000 in più solo negli ultimi 6 mesi

Ultimo aggiornamento: 4 luglio 2012

statistiche dei conti deposito aperti in italiaIl conto deposito è uno degli strumenti di investimento che agli italiani piace molto. Ma da cosa deriva questo successo, quali sono le caratteristiche che lo hanno portato ad essere scelto da numerosissimi investitori Italiani?

Intanto è un prodotto che piace perché è sicuro e perché ha un buon rendimento legato ad una breve durata. Guardando i numeri e le statistiche è sicuramente più facile capire il perché.

L’inflazione che cresce costantemente e che ormai è arrivata ad una percentuale del 3,20% annua fa si che le persone si rapportino al denaro in maniera diversa e sicuramente più attenta.

L’inflazione, oltre ad incidere sui costi quotidiani, incide su tutti quei costi legati ai servizi bancari. Prendiamo per esempio i conti correnti che a causa dell’inflazione stanno subendo dei costi enormi che si rapportano negativamente con il misero interesse erogato dalla banca.

Le persone allora scelgono di spostare i propri soldi dal conto tradizionale al conto deposito dove ottengono degli interessi maggiori e rassicuranti.

I tassi d interesse partono da un minimo dell’1% quando si parla di depositi liberi ma toccano tranquillamente il 4,60% sui depositi vincolati. Sono ottimi interessi soprattutto se si pensa che l’investimento parte da 1 mese e mediamente è di 12 e al massimo può essere di 36 mesi.

Nonostante l’imposta di bollo, questo prodotto continua la sua scalata. Questa imposta è una tassa che deve essere pagata su tutte le posizioni che si hanno in banca, compresi i conti correnti. Con la finanziaria del 2011 l’importo da pagare è stato stabilito all’1 x 1000 a seconda del capitale.

La quota minima da pagare, se si dispone di piccoli capitali investiti, è comunque di 34,20 euro.
E’ una tassa che influenza negativamente il rendimento effettivo dei piccoli investimenti. Il bollo non influisce eccessivamente se si tratta di capitali consistenti. Per fare in modo che anche chi avesse piccole quantità di denaro, investisse comunque nei conti deposito, molte banche hanno scelto di pagare il bollo al posto del cliente. E’ un risparmio e quindi un guadagno.

Le cifre parlano chiaro e fanno presente che in meno di un anno, i conti deposito sono arrivati ad essere 3,6 milioni con un incremento di 800.000. Questi sono dati seri, raccolti da Eurisc che fornisce uno sguardo attento sulla situazione finanziaria delle famiglie italiane.

Per comprendere di quanto è aumentato l’interesse per questo prodotto, basta pensare che gli italiani che investono sono abbastanza da costituire il 35% del capitale rispetto al Pil. Sono cifre enormi che vanno prese in considerazione quando si valuta come investire il proprio denaro.

Rispetto a paesi come la Germania, dove la percentuale è del 72%, l’Italia è indietro ma raggiungerà ottimi livelli se si pensa che questi dati rappresentano il ritratto di soli 6 mesi.

I dati sopra citati servono per offrire delle quotazioni effettive oltre a sottolineare la serietà di questo prodotto bancario. I conti deposito piacciono perché danno un guadagno sicuro e garantito fino alla fine e perché non costano nulla. Inoltre chiunque può aprirli e si gestiscono tutte le transazioni anche online. Scopri qui le caratteristiche dei migliori.

Buon investimento

Questo articolo ti è stato utile?
Segnalalo ai tuoi Amici! Clicca sul Mi Piace, sul +1 o sul botone twitter per segnalare loro questo articolo. Basta un click

 

;